La Città metropolitana di Napoli ha riottenuto il quadro di Achille Martelli “I Perditempo” trafugato negli anni del secondo dopoguerra e portato negli Stati Uniti.

A recuperare l’opera sono stati gli uomini del Nucleo Carabinieri Tutela dei Beni culturali, in sinergia con la Soprintendenza Beni Culturali e Paesaggio. “Un ritrovamento molto importante che testimonia il lavoro significativo che l’Arma svolge nel recupero del patrimonio culturale sottratto da malavitosi”, sottolinea il sindaco metropolitano, Luigi de Magistris, cui è stato riconsegnata l’opera.

E annuncia di voler dare vita a polo museale con l’obiettivo “di rafforzare l’indirizzo culturale della Città metropolitana. Questo quadro andrà a implementare un museo dell’ente, che si aggiunge al lavoro che stiamo gia’ svolgendo come Comune di Napoli al Maschio Angioino”. “I Perditempo”, una delle opere del pittore calabrese approdato a Napoli nel 1848, è stato ritrovato in una casa d’asta a Roma dove stava per essere battuto.

Le ricerche del dipinto sono partite dopo una segnalazione di un funzionario dell’ex Provincia di Napoli e, attraverso la banca dati dell’Arma, si è risaliti alla proprietà e titolarità del quadro. Il polo museale, la pinacoteca della Città metropolitana, potrebbe vedere la luce all’interno della Reggia di Portici o di Santa Maria La Nova a Napoli, con una collezione di circa 600 opere che raccontano il periodo storico che va dal Settecento al Novecento.