Un intero paese è diventato location di un’azione di Yarn Bombing. Un gruppo di donne ha tessuto una spettacolare tenda da sole che copre 500 metri quadrati con materiali riciclati a Alhaurín de la Torre, in Spagna. Il risultato dell’installazione è molto scenografico e spopola sui social

Lo Yarn Bombing in Spagna è opera collettiva che unisce e migliora i centri urbani. Alhaurín de la Torre, comune vicino a Malaga, è più colorato e fresco che mai. Questo è grazie al lavoro di un gruppo di donne che ha elaborato una spettacolare tenda da sole all’uncinetto fatta con materiali riciclati.

È la terza estate consecutiva che queste donne di Alhaurín de la Torre elaborano questa tenda per coprire l’emblematica Via di Malaga. Un modo non solo di decorare il centro storico, ma anche di dare ombra ai cittadini e ai turisti, specialmente calda, che questa settimana ha raggiunto i 37 gradi.

L’iniziativa nasce dal Laboratorio di uncinetto e materiali riciclati organizzato dall’Assessorato dell’Ambiente del comune. La gigantesca tenda è stata creata dai pezzi realizzati durante il primo e il secondo anno del laboratorio e dai nuovi materiali tessuti in questa terza edizione. Per questo motivo, copre una larghezza maggiore rispetto agli anni precedenti. In totale si estende su una superficie di circa 500 metri quadrati e un tratto di circa 60 metri di lunghezza.

La tenda è fatta da materiali riciclati che ogni collaboratrice ha trovato a casa. La maggior parte è lana, ma ci sono anche altri tipi di fili e tessuti riutilizzati. Una caratteristica che rende l’opera originale e unica così come sostenibile.

Il risultato finale, che è già appeso da qualche settimana, è un chiaro riconoscimento alle artiste e alla loro professoressa, Eva Pacheco, dopo un anno molto difficile segnato dalla pandemia. Nonostante abbiano dovuto sospendere le lezioni in presenza di uncinetto, il gruppo di vicine ha continuato a lavorare da casa per riempire le strade di luce e colore.

Le immagini della tenda hanno fatto il giro del mondo e hanno avuto migliaia di visualizzazioni sui social network. Infatti, il successo dell’iniziativa è stato così grande che il sindaco del comune Joaquín Villanova, ha dato un piccolo riconoscimento alle artiste e ha confermato che il laboratorio proseguirà nei prossimi anni.

 

Fonte: ehabitat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *