22 mln in un mese su Spotify, due singoli in top ten britannica

 I Måneskin, gli artisti italiani più ascoltati del mondo su Spotify – con 22 milioni di ascoltatori nell’ultimo mese – e con oltre un miliardo e mezzo di streaming totali, continuano la loro ascesa inarrestabile nelle classifiche internazionali, collezionando un nuovo risultato da record, mai raggiunto prima, posizionandosi #6 con “I WANNA BE YOUR SLAVE” e #10 con “Beggin'” nella Uk Singles Chart, confermandosi così la prima band italiana della storia con due singoli contemporaneamente nella Top Ten britannica. “I WANNA BE YOUR SLAVE” occupa anche la prima posizione della classifica Hot Hard Rock Songs di Billboard USA.

Damiano, Victoria, Thomas e Ethan con la loro energia hanno trasmesso in modo diretto il loro messaggio di libertà e voglia di lasciare il segno, e questi nuovi riconoscimenti vanno ad aggiungersi ai risultati straordinari che in poche settimane stanno raggiungendo dovunque.
Dopo la vittoria memorabile all’Eurovision Song Contest 2021, sono attualmente presenti nella Top 50 Spotify Global Chart con “I WANNA BE YOUR SLAVE” in posizione #11 (disco d’oro e 100 milioni di streaming, in Top 50 Spotify di 34 Paesi), “ZITTI E BUONI” alla #25 (triplo disco di platino e oltre 170 milioni di streaming, in Top 50 di 28 Paesi, in due dei quali in #1) e “Beggin'” in #5 posizione, brano che ha guadagnato un’importante scalata nella classifica con 5 milioni di streaming e che vanta la presenza nelle Top 50 Spotify di 61 Paesi (#1 in 10 Stati, fra cui la Germania) oltre alla posizione #1 nella Top 200 Shazam Global Chart.
Ma non si tratta degli unici successi ottenuti dai brani contenuti nel nuovo disco “Teatro d’ira – Vol. I”, già disco di platino e più di 400 milioni di streaming), uscito il 19 marzo e che si posiziona #1 nella classifica album in Svezia: “ZITTI E BUONI” e “I WANNA BE YOUR SLAVE” vengono infatti certificati oro anche in Turchia e Polonia, e quest’ultimo brano ottiene la certificazione oro anche in Irlanda.

 

Fonte: ansa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *