“Non ci sarà più una zona rossa, non ci saranno più zona uno e zona due, ma un’Italia zona protetta. Saranno da evitare gli spostamenti salvo tre ragioni: comprovate questioni di lavoro, casi di necessità e motivi di salute”.

Così l’allora premier Conte annunciava, la sera del 9 marzo 2020, il lockdown per contenere la pandemia di Covid-19.

È passato un anno. Più di 100.000 morti in Italia.

Una cosa è certa: “Non è andato tutto bene”.

L’Italia è sempre più rossa, a causa delle varianti del virus che fanno salire la curva dei contagi.

Terapie intensive e ospedali in sofferenza, chiusure, restrizioni, weekend in probabile lockdown. Un’altra Pasqua di passione.

La prima vittima a Vo’ Euganeo fu Adriano Trevisan. Di molti altri non si ricorda il nome, ma la somma fa rabbrividire.

La situazione è ancora critica e drammatica.

L’unica speranza è data dai vaccini e dal loro potenziamento.

Da leggere, magari in queste serate di coprifuoco, il libro di Toni Capuozzo

“Lettere da un Paese chiuso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *