Cashback, la Banca Centrale Europea invia una lettera al ministro Roberto Gualtieri: dubbi sull’iniziativa dell’esecutivo. Sulla questione della limitazione del contante, la Bce, aveva già bocciato Conte a gennaio 2020.

Al centro delle polemiche negli ultimi giorni, l’operazione cashback fa storcere il naso anche alla Bce. Come riportato da Milano Finanza, Yves Mersch ha inviato una lettera al ministro dell’Economia Roberto Gualtieri denunciando di non essere stato consultato per questa iniziativa e esprimendo dubbi sull’efficacia del nuovo strumento. Analizzando il testo reso noto dai colleghi, la Banca Centrale Europea ha definito il nuovo programma sproporzionato…

In base alle rilevazioni di Yves Mersch, l’operazione cashback sarebbe sproporzionata alla luce del potenziale effetto negativo che potrebbe avere del contante. La Bce ha messo in risalto che in questo modo si rischia di compromettere l’approccio neutrale verso i vari mezzi di pagamento a disposizione. «La Bce apprezzerebbe che le autorità italiane tenessero in debita considerazione i rilievi che precedono adempiendo in futuro al documento», il monito dell’istituto diretto da Christine Lagarde.

CASHBACK, LA BCE BACCHETTA IL GOVERNO

«La Bce desidera ricordare che ai sensi del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, il Sistema europeo di banche centrali (Sebc) è tenuto ad agire, tra l’altro, conformemente al principio di un’economia di mercato aperta e in libera concorrenza, favorendo un’efficace allocazione delle risorse»: questo quanto si legge nella lettera resa nota da Milano Finanza destinata al titolare del Tesoro.

La Bce bacchetta duramente il Governo, dunque, evidenziando sul programma cashback«La Bce ritiene che l’introduzione di un programma cashback per strumenti di pagamento elettronici sia sproporzionata alla luce del potenziale effetto negativo che tale meccanismo potrebbe avere sul sistema di pagamento in contanti e in quanto compromette l’obiettivo di un approccio neutrale nei confronti dei vari mezzi di pagamento disponibili».

Fonte: Il Sussidiario.net

La Bce boccia il governo Conte sulla limitazione del contante: non è affatto dimostrato che serva a combattere l’evasione fiscale.

La Bce non ha dubbi: limitare l’uso del contante per contrastare il riciclaggio dei capitali sporchi e il finanziamento del terrorismo va bene per pagamenti pari o superiori a diecimila euro. Ma altrettanto non si può dire quando si riduca tale importo a mille euro per combattere l’evasione fiscale, come ha deciso il governo di Giuseppe Conte con un recente decreto legge. Il motivo? «La dichiarata finalità pubblica della lotta all’evasione fiscale è tutta da dimostrare».

Questi, e non solo questi, i punti chiave di una lunga lettera inviata dalla Banca centrale europea (Bce) al ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, e ai presidenti di Senato e Camera, Maria Elisabetta Alberti Casellati e Roberto Fico. In buona sostanza, una stroncatura clamorosa del decreto legge con cui, in ottobre, il governo di Giuseppe Conte ha imposto una riduzione della soglia per i pagamenti in contanti dagli attuali 3 mila euro a 2 mila a partire dal 1° luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021, per poi scendere a mille euro.

La lettera, firmata da Yves Mersch, membro del Comitato esecutivo della Bce, è datata 16 dicembre, ma in Italia se ne è avuta notizia solo pochi giorni fa, quando il senatore della Lega, Alberto Bagnai, ne ha pubblicato l’intero testo su Twitter, con un commento ironico: «La Bce sì, ma solo quando fa comodo. Altrimenti non c’è fretta». Dopo avere fatto notare che la Bce non è stata consultata dal governo italiano in merito a questo decreto legge, la lettera di Mersch afferma che l’uso del contante, in quanto moneta legale, deve essere consentito sempre e comunque a qualsiasi gruppo sociale, senza dover pagare commissioni. L’utilizzo del contante legale, sottolinea la lettera, «non consente legalmente di imporre tariffe per il suo utilizzo. Inoltre, i pagamenti in contanti non richiedono un’infrastruttura tecnica funzionale con i relativi investimenti, e sono sempre disponibili; ciò riveste particolare importanza in caso di indisponibilità dei pagamenti elettronici».

La frequente sottolineatura del contante come «moneta legale» serve, nella lettera della Bce, per distinguere la moneta emessa dalla Banca centrale europea dalla cosiddetta «moneta bancaria», che è una forma di moneta privata, emessa dalle banche commerciali e accettata da tutti perché convertibile in moneta legale. Ma, a differenza della Bce, le banche commerciali offrono a famiglie e imprese strumenti di pagamento, elettronici o meno, come bonifici, assegni e carte, per i quali si deve pagare una commissione. Anche se la lettera si ferma qui e non lo dice, pare evidente che la forte limitazione dell’uso del contante decisa dal governo Conte finirà per essere un enorme regalo alle banche: infatti la moneta legale emessa dalla Bce è appena il 5% della massa monetaria totale d’Europa, mentre il resto è costituito interamente da moneta bancaria, basata fiduciariamente sull’aumento esponenziale del debito contratto attraverso mutui e prestiti.

L’unica limitazione che la Bce considera accettabile nell’uso del contante riguarda i pagamenti di importo elevati, «che espongono al pericolo del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo», come indicato da una direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio Ue. In questo caso sono giustificate le verifiche sulla clientela per pagamenti pari o superiori a diecimila euro. Estendere invece tali controlli a tutta la popolazione, come se tutti fossero criminali o terroristi potenziali, non è accettabile.

Quanto alla tesi del governo Conte, che ha varato la riduzione dell’uso del contante per contrastare l’evasione fiscale», per la Bce si tratta di una tesi astratta, priva di riscontri, tanto che la lettera afferma: «Si dovrebbe dimostrare chiaramente che tali limitazioni permettano, di fatto, di conseguire la dichiarata finalità pubblica della lotta all’evasione». In definitiva, una tirata d’orecchi e una stroncatura del governo italiano e della sua vocazione illiberale e manettara come non si ricordava da tempo. E Gualtieri, il ministro «suggerito» da Bruxelles per il suo europeismo, non ha nulla da dire?

Fonte: Italia Oggi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *