Anna Maria Bernini (FI), Massimiliano Romeo (Lega) e Luca Ciriani (Fdi): “Presenteremo una mozione che impegni il governo a garantire gli spostamenti per raggiungere i propri cari a Natale”

Norme severe per contenere l’emergenza coronavirus e per ridurre al minimo i rischi della terza ondata. E’ tutto contenuto nell’ultimo Dpcm firmato dal premier Giuseppe Conte, che oggi però deve incassare il duro attacco del Centrodestra che, con una nota congiunta firmata dai capigruppo di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia al Senato, definisce “disumana” la scelta di vietare gli spostamenti tra diversi Comuni il giorno di Natale. “Pur nel doveroso rispetto del principio di precauzione e di massima tutela della salute pubblica, le misure contenute nel nuovo Decreto legge per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del coronavirus appaiono non solo genericamente irragionevoli, ma particolarmente disumane” si legge nella nota.

“Vietare a familiari che abitano a pochissimi chilometri di distanza ma residenti in comuni diversi di trascorrere insieme anche poche ore il giorno di Natale, mentre possono vedersi prima e dopo questa data, è una restrizione che non ha alcun senso” hanno scritto Anna Maria Bernini (FI), Massimiliano Romeo (Lega), Luca Ciriani (Fdi).

In Italia ci sono 8000 Comuni limitrofi, molti hanno dimensioni più piccole di un quartiere di Milano o Roma, in tantissimi casi basta attraversare la strada per trovarsi in un’amministrazione diversa – si legge ancora nella nota congiunta -. Il governo non deve solo ripensarci. Deve assolutamente correggere questo punto specifico del decreto, il cui effetto è solo di isolare genitori e nonni da figli e nipoti. Il centrodestra presenterà una mozione urgente che impegni il governo a garantire spostamenti per raggiungere i propri cari anche a Natale. La responsabilità degli italiani deve fare il paio con il buonsenso del governo. Della prima abbiamo dimostrazioni quotidiane, ma il secondo stenta ancora a manifestarsi. Il governo ponga, quindi, subito rimedio e corregga nel Decreto questa disposizione assurda” hanno concluso  i capigruppo al Senato di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia.

 

Fonte: Tgcom24

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *