Brutale aggressione con stupro in provincia di Reggio Emilia: arrestati cinque individui (quattro uomini ed una donna) tutti di origini nordafricane: le accuse sono di lesioni aggravate, sequestro di persona, violenza privata e violenza sessuale.

La coppia aggredita (entrambe le vittime sono di nazionalità marocchina) ha subito un pestaggio in piena regola, con pugni e calci, a cui hanno fatto seguito anche delle coltellate. L’uomo, un 34enne residente a Sorbolo di Parma, è stato abbandonato sul ciglio della strada in un lago di sangue mentre la compagna di 37 anni è stata letteralmente trascinata fino ad una vigna e poi stuprata all’interno di un edificio.

Pare che entrambe le vittime conoscessero gli assalitori. A causa delle lesioni riportate, i due feriti sono stati condotti  all’ospedale di Guastalla (provincia di Reggio Emilia) e quindi trasferiti e ricoverati al Maggiore di Parma. Secondo le ricostruzioni effettuate dagli inquirenti, la banda sarebbe entrata in azione intorno alle ore 23:30 di ieri. Dopo aver abbandonato l’uomo a terra sul posto, gli aggressori hanno obbligato la compagna a raggiungere una casa nelle vicinanze di una vigna. Ad attenderla una altra donna la quale, unitamente ai 4 complici avrebbe partecipato attivamente alle violenze nei confronti della marocchina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *