Manchi come il regalo sotto l’albero a Natale.

Manchi come l’uovo di cioccolato a Pasqua.

E non sto esagerando, per i viterbesi Santa Rosa è una festa importante.

È importante per i negozianti, per i bambini, per i facchini, per i fotografi, per gli sbandieratori, per la banda…

Senza la tua festa Viterbo non è Viterbo… È una città fantasma.

Non si respira aria di festa… Non si respira aria di felicità, di adrenalina, di stupore.

Niente. Solo una città vuota.

Una città colpita nel profondo della tradizione, nel profondo del cuore.

Da tutto il mondo vengono a vederti, molti increduli, altri estasiati dalla tua bellezza.

Quando raccontiamo di te Rosa, i nostri occhi brillano e il cuore inizia a battere forte solo al pensiero di quel 3 settembre.

Al solo pensare al capo facchino urlare: “𝘀𝗲𝗺𝗼 𝘁𝘂𝘁𝘁𝗶 𝗱𝗲 𝘂𝗻 𝘀𝗲𝗻𝘁𝗶𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼?”.

“SI!” La risposta del tuo popolo.

“Evviva Santa Rosa!”

“𝗘𝘃𝘃𝗶𝘃𝗮!”

“Sotto col ciuffo e fermi…fermi… 𝗦𝗢𝗟𝗟𝗘𝗩𝗔𝗧𝗘 𝗘 𝗙𝗘𝗥𝗠𝗜!”

E la banda inizia a suonare, e la platea che urla solo per te.

Per te piccola Rosa.

Manchi Rosa…

Mancherà l’attesa nelle piazze e nelle vie per vederti passare. Mancheranno le foto di rito. Mancheranno le emozioni che solo tu puoi darci.

“Santa Rosa avanti!”

E andremo avanti.

Aspetteremo il 2021 con ansia solo per vederti passare.

Per vederti brillare tra le stelle e gli angeli blu. ❤️🌹

di Elisa Satriani

Foto Federico Botarelli

Santa Rosa 2019 #semotuttidunsentimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *