Il virus non è debellato e non se ne andrà perché si è annoiato

I test sierologici, ce ne sono tre in commercio, andrebbero validati in via definita e a livello mondiale, perché se danno falsi positivi e falsi negativi ( per semplificare) sarebbe un macello.

I test vanno abbinati al tampone perché le igg sono presenti anche durante la malattia e non solo subito dopo, per questo si deve escludere che la presenza degli anticorpi non sia da persona malata, il tampone negativo contribuisce a dare certezza.

Non sappiamo ancora se e per quanto tempo si sia immunizzati post malattia.

Riaprendo, perché si deve riaprire, si innescheranno quasi sicuramente dei focolai di malattia, li bisognerà decidere cosa e come fare.

Le cose necessarie sono due, in primis la terapia mirata e che riesca ad evitare almeno la rianimazione e poi il vaccino.

Ospedali come il Celio continuano ad organizzarsi proprio perché cala il picco ma non è finita affatto.

Vero che ogni giorno se ne alza uno di genio in cerca d’autore, ma in genere rimane in cerca.

L’eparina è stata sempre fatta anche perché è prassi obbligatoria da secoli nelle persone immobilizzate a letto etc etc. Lo studio AIFA riguarda altro che qui adesso sarebbe lungo.

Il medico israeliano e i 70 giorni, magari, ma poi si perde nei conteggi e tra i meandri delle recidive o dei tamponi processati male o di guarigioni cliniche non ancora guarigioni.

L’unico sistema, per ora, rimane quello di mantenere alta la guardia perché qualcuno dice troppo e qualcun altro omette.

La medicina non è mai una scienza esatta, i pareri discordi in una situazione come questa sono molto più che normali e scienza e politica sono due cose diverse,così come appare tra Lombardia e Romagna, eppure…

Non è uguale l’iter della malattia in tutti i soggetti, vedi Zingaretti e vedi Boris Johnson che se la sta passando scura.

Di questo corona si può morire, oggi se ne è andato Sepulveda.

Bisogna proteggere bene bambini e adolescenti perché, come sempre, più si allarga il contagio più si abbassa l’età dei possibili contagiati.

Questo virus, della famiglia del virus del raffreddore ( anche qui…detta così solo per facilitare) è molto contagioso e il vaccino ha bisogno di tempo, poi per quanto tempo funzioni ce lo diranno….

Non abbassiamo la guardia

di BeVaBe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *