Durante la Corrida per la Festa del Pilar di Saragozza, in Spagna, il torero 57enne Mariano De la Viña è stato incornato da un toro, che gli ha lacerato due arterie e provocato un trauma cranico. Il torero è andato in arresto cardiaco 3 volte ed è stato operato due volte, le sue condizioni al momento sono critiche.

Il torero, come si vede nel video, è caduto a terra ed è stato trascinato per l’arena, poi il toro ha sferrato un altro attacco con le corna causandogli un taglio di 27 centimetri che ha provocato la lacerazione dell’arteria femorale e di un’altra arteria importante. Dal femore usciva sangue a fiotti, che ha lasciato una lunga scia sulla sabbia dell’arena.

Le arterie nel frattempo sono state ricucite in sala operatoria insieme a una parte del petto e dell’inguine, anch’essi lacerati. Le condizioni di Mariano al momento sono critiche ma i medici sono speranzosi.

Quando finirà una volta per tutte questa pratica barbarica che causa continue morti di uomini e animali? Purtroppo la Spagna, nonostante i passi avanti fatti da numerose città, continua a portare avanti questa tradizione crudele, ancora molto amata.

E i feriti si succedono uno dopo l’altro: Mariano è solo l’ultima delle vittime, prima di lui ci sono stati, tanto per citare qualche caso del 2019, Rafael Rubio durante la Festa di San Firmino a luglio, Enrique Ponce trafitto alla schiena a marzo, Juan Leal incornato vicino al retto a maggio. Insomma, una vera carneficina! Per non parlare dei poveri tori, uccisi senza pietà.

Speriamo che prima o poi tutta questa morte risvegli le coscienze!

 

Fonte: https://www.greenme.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *