Professione… “CODISTA”. Faccio la coda al posto tuo (pagando s’intende!)

Mestiere: codista; ovvero, “chi fa le code per gli altri”. Questa nuova professione, inventata nel gennaio 2014 dal dottor Giovanni Cafaro, nel giro di soli quattro anni ha riscosso un tale successo che i codisti italiani sono 550. Per avere successo in questo mestiere occorre: tanta pazienza; comprensione; organizzazione; responsabilità ed una buona dialettica. Già, perché il codista, durante la sua giornata lavorativa, rimbalza da una coda all’altra, tra Agenzia delle Entrate; INPS; Poste; Comuni; Equitalia; ASL…

«Questo lavoro è, forse uno dei pochi motivi, per cui la lenta burocrazia italiana ha ancora bisogno di esistere»

Quante volte avete affrontato la fila all’ufficio postale o in banca e, per mancanza di tempo o pazienza, avreste voluto che qualcuno la facesse per voi? Bene, già da qualche anno esiste quella che orma è una figura professionale a tutti gli effetti: il codista, una persona pagata per fare la fila al posto nostro.

Secondo il primo codista italiano, questo tipo di professione ispira fiducia nel cliente in quanto rappresenta una persona vicina e quindi in qualche modo affidabile. C’è poi un altro aspetto, ossia il fatto che la tecnologia, seppur con molti passi in avanti, sembra non essere ancora in grado di sostituirsi ai codisti, sia perché lo sviluppo tecnologico non è forse ancora così efficiente in tutti gli ambiti, sia perché in certe attività è ancora necessaria la presenza fisica: “la tecnologia all’interno della PA non è ancora in grado di risolvere la burocrazia e di sostituirsi alle persone e ai codisti che molto spesso si devono recare di persona per risolvere vari problemi e fare la coda per conto terzi. Non credo che al momento un’app possa sostituire o aiutare i codisti, è un’attività basata sul contatto diretto con i clienti e con i vari uffici pubblici. Il contatto con il cliente per il rilascio della delega e la presenza fisica agli sportelli è in molti casi determinante e indispensabile”. E a quanto pare quello delle code è un problema particolarmente sentito nel nostro Paese: secondo il Codacons perdiamo in fila circa 400 ore in dodici mesi.

Tutto questo è nato da uno di quei momenti di crisi che sempre più persone si trovano ad affrontare: la perdita del lavoro.

Quindi se non vogliamo perdere il nostro tempo a fare le file negli uffici, anche a Viterbo abbiamo una professionista che si è impegnata a fare la codista. 

Nasce a Viterbo il primo servizio di “codista”!

Enel, Poste, Uffici comunali, Talete, Asl: solo a sentirli nominare ti viene il magone perché non hai tempo, voglia o possibilità di fare la fila? Devi prendere mezza giornata di ferie per capire come districarti nel ginepraio della burocrazia?
È arrivato il momento di risparmiare il tuo tempo per le cose che contano: a fare la fila, qualsiasi fila, ci pensiamo noi e senza spendere una follia!
Chiedete informazioni chiamando al 340-4141777 e ti verrà spiegato con quanta facilità potrai liberarti di un peso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *