Trovata scavando a nord di Tel Aviv, l’antica Ein Asur sarebbe il più grande insediamento mai riportato alla luce del Paese e destinato a “cambiare per sempre ciò che sappiamo delle prime urbanizzazioni in tutta l’area”

Una città antica 5 mila anni, della prima età del Bronzo, perfettamente urbanizzata. L’antica città di Ein Asur, è stata portata alla luce dagli archeologi israeliani durante gli scavi per un progetto autostradale vicino a Harish, città a 50 chilometri a nord di Tel Aviv.

Secondo quanto è stato anticipato, si tratta di una “città cosmopolita e pianificata” che risale alla prima età del Bronzo (fine del quarto millennio a.C.). Copriva 65 ettari e ospitava circa seimila persone. I ricercatori dicono di aver scoperto anche un insolito tempio rituale, con ossa carbonizzate di animali, offerte sacrificali, la riproduzione di un volto, frammenti di ceramica, strumenti di selce e vasi di pietra.

“È molto più grande di qualsiasi altro sito noto nella terra di Israele e fuori, in Giordania, Libano, Siria meridionale”, ha dichiarato il co-direttore dello scavo dr. Yitzhak Paz. “Questa è una città enorme, una megalopoli della prima età del Bronzo, dove migliaia di abitanti si guadagnavano da vivere con l’agricoltura e commerciavano con regioni diverse, persino con culture e regni diversi della stessa area… Questa è la prima New York del Bronzo della nostra regione, una città cosmopolita e pianificata”, hanno dichiarato i direttori degli scavi Itai EladPaz e la dottoressa Dina Shalem, si legge sul Times Of Israel.

Israele, scoperta megalopoli di 5 mila anni fa: "È la New York dell'età del Bronzo, e riscriverà la storia"

Gli scavi sono stati effettuati negli ultimi due anni e mezzo, finanziati da Netivei Israel – la National Transport Infrastructure Company Ltd. Hanno partecipato oltre 5 mila studenti delle scuole superiori e volontari della zona. Situata vicino a Wadi Ara, vicino a due sorgenti d’acqua, nel distretto di Haifa, nel nord di Israele, secondo Paz, la città sorgeva su un terreno fertile e adatto all’agricoltura e vicina a importanti rotte commerciali centrali. L’antico insediamento conteneva edifici e aree pubbliche e private, strade e vicoli ed era circondato da un muro di fortificazione.

“Lo scavo in questo sito ha rivelato due insediamenti principali”, ha spiegato Shalem. “Il primo ha circa 7mila anni. È un insediamento agricolo molto grande. Duemila anni dopo, un altro insediamento divenne una delle prime città conosciute in questa zona del mondo”.

 

Fonte: https://www.repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *