Dopo numerosi e inutili tentativi in diversi centri lombardi, la famiglia alla fine ha deciso di rivolgersi a una struttura privata a pagamento

“Non c’è posto”. Così un uomo originario del Pavese, a cui i medici avevano prescritto una “Pet” entro 72 ore per decidere se operarlo per un tumore, si è sentito rispondere da diversi ospedali pubblici. Nessun centro riusciva a garantire questo esame e alla fine la famiglia, non potendo e non volendo più aspettare, si è rivolta a una struttura pubblica privata, cioè a pagamento.

La scelta di andare da un privato “non tutti possono permettersela”, ricorda un familiare alla “Provincia pavese”. Quando la famiglia ha contattato altri centri della regione, la disponibilità era di 15 giorni, sempre troppi per chi aveva bisogno di un esame in tempi brevi. Con la Pet i medici riescono a confermare una diagnosi di tumore, verificando la presenza di metastasi o una eventuale diminuzione della massa tumorale.

Nel Comasco all’ospedale Sant’Anna chiude il primo ambulatorio – Difficoltà per i pazienti non solo nel prenotare gli esami, ma anche per ottenere visite presso gli ambulatori. Nel Comasco, a San Fermo della Battaglia, all’ospedale Sant’Anna l’unità operativa di Neurologia garantisce infatti le emergenze ma non le visite ambulatoriali per mancanza di personale. Dalla struttura garantiscono che saranno attivi nuovi medici anche se – sottolineano – queste procedure richiedono tempo.

 

Fonte: https://www.tgcom24.mediaset.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *