“Fratelli d’Italia ha provocatoriamente indetto a Sesto San Giovanni un presidio contro il costituendo governo, per domenica 8 settembre, definendola ‘la data dei traditori’”.

Lo rende noto Roberto Cenati, presidente dell’Anpi provinciale di Milano, che commenta: “Al di là di qualsiasi legittima valutazione sulla formazione del nuovo governo ancora in fase di realizzazione, dichiarare l’8 settembre 1943 come ‘la data dei traditori’ suona come un insulto inaccettabile alla storia del nostro Paese, alla Resistenza italiana, alla Città di Sesto San Giovanni Medaglia d’Oro della Resistenza”. L’8 settembre del ’43 il maresciallo Pietro Badoglio firmò l’armistizio con le truppe Alleate angloamericane.

Per questo “chiediamo al prefetto di Milano e alle pubbliche autorità – scrive Cenati – di intervenire perché la città di Sesto San Giovanni che ha pagato un prezzo altissimo per le deportazioni nei lager nazisti, a seguito dello sciopero generale del marzo 1944, e l’intero patrimonio della Resistenza italiana non vengano vergognosamente oltraggiati nella giornata che ha segnato il riscatto del nostro Paese dal nazifascismo”.

 

Fonte: https://milano.repubblica.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *