Assegni familiari, ora le domande si fanno solo online. Ecco come presentarle e a chi spetta il beneficio

Per ridurre i margini di errore sugli importi l’Inps ha stabilito che da aprile le richieste vanno presentate per via telematica dotandosi delle credenziali di accesso al sistema dell’Istituto tramite Pin o Spid. Invariata la somma, che cala all’aumentare del reddito del nucleo e dipende dal numero di componenti. Hanno diritto alla prestazione lavoratori dipendenti, pensionati e chi lavorava per ditte cessate o fallite
Addio al vecchio modulo cartaceo per l‘assegno al nucleo familiare (Anf) da consegnare direttamente al datore di lavoro. Da aprile 2019 i lavoratori dipendenti beneficiari dell’Anf devono presentare la domanda esclusivamente per via telematica oppure tramite patronato. La nuova misura è stata decisa dall’Inps, effettivo ente erogatore delle somme di sostegno, e comunicata tramite la circolare n.45 del 22 marzo 2019. Sia i 2,8 milioni di beneficiari che già ricevono il sostegno e che entro il primo luglio dovranno ripresentare la domanda adeguandola ai nuovi redditi dichiarati per l’anno precedente sia i nuovi richiedenti dovranno procurarsi le credenziali di accesso al sistema dell’Istituto tramite Pin o Spid(Sistema pubblico di identità personale), oppure a rivolgersi ai patronati. Già sovraccaricati dalla gestione di Quota 100. Esclusi i lavoratori dipendenti del settore privato agricolo che potranno continuare a presentare la richiesta tramite modulo cartaceo consegnato in azienda. Ma vediamo nel dettaglio come funziona la misura di sostegno economico al reddito.sorgente: https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/05/06/assegni-familiari-ora-le-domande-si-fanno-solo-online-ecco-come-presentarle-e-a-chi-spetta-il-beneficio/5147640/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *