Pavia, vuole il suo cellulare: immigrato sull’autobus la riempe così di testate

Terribile esperienza per una ragazzina di ritorno da scuola. Accortasi che qualcuno stava cercando di prendere lo smartphone, la minorenne ha gridato, provocando la reazione dell’extracomunitario, che l’ha presa a testate per fuggire

Violenta aggressione ai danni di una studentessa 17enne di Pavia, che è stata picchiata da un cittadino straniero intenzionato a sottrarle il telefono cellulare.

L’episodio si è verificato nella giornata di venerdì, intorno alle 14. La giovane, di ritorno da scuola, si trovava a bordo di un autobus della società Autoguidovie, insieme a molti altri pendolari, quando si è accorta che qualcuno stava cercando di sfilarle via lo smartphone dalla tasca del giubbotto.

Il mezzo stava percorrendo il Ponte Coperto, quando la ragazza ha dato l’allarme, mettendosi a gridare ed attirando così l’attenzione degli altri passeggeri.

Deciso a fuggire prima di essere catturato, l’extracomunitario ha approfittato del fatto che il bus si fosse fermato per lanciarsi fuori dalle portiere. Per farlo, tuttavia, ha dovuto superare la minorenne, che gli sbarrava la strada, e per tale ragione non ha esitato a spintonarla ed a rifilarle una violenta testata in pieno viso.

La 17enne è finita a terra, mentre il malvivente ha lasciato di corsa il mezzo, facendo perdere le proprie tracce. A prendersi cura di lei sono stati alcuni passeggeri, i quali hanno insistito per chiamare un’ambulanza del 118, considerata la vistosa tumefazione che si era formata all’altezza dello zigomo della ragazza, dopo il violento attacco.

L’adolescente ha tuttavia rifiutato. Ancora molto scossa, ha infatti preferito fare direttamente ritorno a casa dalla propria famiglia.

carabinieri del comando di Pavia, che hanno raccolto la denuncia sporta dalla vittima, si stanno adesso occupando di rintracciare il responsabile.

sorgente: http://www.ilgiornale.it/news/cronache/pavia-17enne-presa-testate-sul-bus-straniero-voleva-suo-1668541.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *